blog tagline

“Maestra Giulia” – Quarta puntata

marzo 20, 2018 Pubblicato in: Uncategorized 0 Commenti

Nella quarta puntata della rubrica, Giulia ci spiega come mai i bambini, mangiando determinati cibi, hanno reazioni diverse dalle nostre e sottolinea che, nonostante il gusto sgradevole percepito, è importante che il bambino abbia queste esperienze sensoriali.

“Maestra Giulia”

Quarta puntata – Faccia da limone

Avete mai visto la faccia di un bambino dopo che ha assaggiato un limone? E’ troppo buffo!
Su Youtube ci sono un sacco di video che mostrano bimbi con facce super schifate e tremolanti dopo aver dato un assaggio al limone, e di sottofondo si sentono le risate dei genitori che non riescono a trattenersi.
Anche noi se diamo un assaggio sentiamo subito quel sapore aspro che ti arriva in tutto il corpo.

Ma come mai i bambini reagiscono in maniera così esasperata?

Questo accade perché i bambini, in particolar modo i neonati, hanno un numero di papille gustative di gran lunga più elevato di quello degli adulti. Gli organi del gusto si sviluppano precocemente durante il periodo di vita intrauterina del feto, che condivide con la madre l’esperienza nutritiva. L’alimentazione della madre durante la gravidanza influisce sulla futura vita alimentare del bambino. Quelle madri che hanno una dieta sgradevole durante la gestazione avranno bambini meno aperti alla sperimentazione di nuovi gusti e sapori. Ma è giusto sottoporre il bambino all’assaggio di questo agrume così aspro, tanto che il primo assaggio non si scorda mai? Alcune ricerche dicono di sì sostenendo che sia molto importante. Dopo i primi sei mesi di vita i bambini iniziano pian piano a sperimentare i sapori; prediligono il sapore dolce o salato, non amano i sapori amari, si tengono alla larga da verdure e dai sapori acidi. E’ fondamentale che esplorino tutti i sapori che fino a quel momento non conoscono e che per questo sono tenuti alla larga. E’ importante il ruolo della famiglia per procedere nello sviluppo del gusto. I genitori infatti possono contribuire in modo deciso allo sviluppo di preferenze o rifiuti dei cibi. Quindi facciamo assaggiare ai nostri bambini il limone, anche se sappiamo che farà una faccia terribilmente schifata!

Un esempio di video in cui un bambino assaggia il limone per la prima volta!

 

Per maggiori informazioni riguardo la nostra associazione  potete contattarci scrivendo a marco@adozioniadistanza.it o visitare la nostra pagina Facebook https://www.facebook.com/sostegnoadistanza/

 


FONTE VIDEO: https://www.youtube.com

Commenta