Adozioni a distanza. Cambiare la vita di tanti bambini per cambiare il mondo !!!

FAQ e INFORMAZIONI

info

Abbiamo fatto una raccolta delle vostre domande più comuni e qui sotto abbiamo dato le risposte. Per qualsiasi altra domanda siete pregati di contattarci con l’apposito modulo nella sezione contattaci.

    • Quanto costa adottare un bambino a distanza ?

      Adottare un bambino costa 26 € al mese.

 

    • La cifra mensile è fissa oppure può aumentare?

      La cifra di 26 € è fissa e non è suscettibile di aumento.

 

    • Come versare la mensilità, con quale cadenza?

      Il padrino può scegliere se versare i soldi mensilmente oppure a cadenza trimestrale, semestrale ecc.. Sarebbe preferibile scegliere una cadenza fissa ( trimestrale… o più).

 

    • I soldi che vengono versati possono essere detratti con la denuncia dei redditi?

      Si basta presentarsi al CAF con le ricevute dei pagamenti effettuati tramite c/c bancario o postale.

 

    • Come vengono utilizzati i soldi?

      I soldi vengono utilizzati dal centro per le necessità del bambino. In alcuni centri i soldi vengono utilizzati per l’iscrizione e il mantenimento a scuola del bambino, in altri per l’organizzazione di corsi professionalizzanti e così via.

 

    • Quanti dei soldi che verso vanno realmente al bambino?

      Al momento vengono corrisposti al bambino adottato 23 €. 3€ servono per coprire le spese di gestione come i viaggi di monitoraggio annuali, il materiale cartaceo, le bollette… trovi tutti i costi nella sezione bilancio. 

 

    • In che percentuale i miei soldi vengono utilizzati per le spese di gestione dell´ Associazione?

      Puoi consultare i dettagli nella sezione bilancio. 

 

    • E´ possibile verificare che il contributo vada a buon fine?

      Certo il padrino se lo desidera può recarsi di persona a trovare il bambino oppure alla festa dei padrini che si svolge ad Aprile di ogni anno può ascoltare le testimonianze di chi personalmente si è recato a trovare il suo bambino.

      Su richiesta è possibile venire in ufficio per verificare l’invio dei bonifici internazionali. E’ possibile video-chiamare il bambino (per la maggior parte dei centri). 

 

    • Quanto dura l´adozione e si può recedere dall´impegno preso?

      Il sostegno dura fino al compimento del 18° anno di età con possibilità di proseguire se vengono proseguiti gli studi universitari o professionali.

      Se un padrino decide di recedere dall’adozione può farlo in qualsiasi momento, basta dare un avviso telefonico o via e-mail.

 

    • Quali requisiti bisogna avere per adottare un bambino?

      Aver compiuto i 18 anni oppure avere come garante un adulto (se trattasi di minore).

 

    • Quali sono gli obblighi se sostengo un bambino a distanza?

      Solo l’obbligo morale di sostenerlo a distanza, sia attraverso il contributo economico sia intrattenendo con il bambino una corrispondenza (non obbligatoria).

 

    • Chi sono i bambini che vengono sostenuti a distanza?

      Bambini poveri del Brasile, dell’India, dell’Angola e dell’ Honduras a qualunque religione, casta o gruppo appartengano. I bambini non abitano in istituti (salvo pochi casi) ma vivono con i loro genitori o familiari e sono seguiti dai nostri centri per la loro crescita e la loro educazione.

 

    • Ogni bambino ha un solo padrino o più padrini?

      Ogni bambino ha un solo padrino o gruppo di padrini nell’eventualità che un gruppo di persone (colleghi di ufficio, parenti ecc..) decidano di sostenerlo insieme.

 

    • Il sostegno si può attivare se siamo più persone (associazioni, ditte, colleghi di lavoro, familiari ecc..)?

      Si, basta deciderlo insieme e comunicarlo all’ Ufficio Sostegno a distanza.

 

    • Si possono sostenere più adozioni a distanza?

      Si, un padrino può sostenere più bambini anche in diversi paesi.

 

    • Cosa devo fare concretamente per sostenere il bambino?

      Telefonare o scrivere una email a info@adozioniadistanza.it o a marco@adozioniadistanza.it

    • Quali contatti si hanno con il bambino?

      Il bambino scrive al padrino due all’anno. Il padrino può scrivere quante volte vuole e se lo desidera può andarlo a trovare. Il sostenitore puo’ fare delle video chiamate presso il nostro ufficio e inviamo video e foto durante i viaggi di monitoraggio.

 

    • Come fare per le traduzioni?

      Le letterine vengono tradotte prima di essere inviate al padrino. Per le lettere che il padrino deve inviare al bambino verranno date indicazioni a seconda del centro dove viene adottato il bambino (in alcuni centri i responsabili parlano italiano e non c’è bisogno di traduzioni).

 

    • E´possibile far venire in Italia il bambino?

      No non è possibile portare in Italia un minore.

 

    • E´possibile andare a trovare il bambino?

      Si certo un padrino previo accordo con l’Ufficio Sostegno a distanza può recarsi di persona in Brasile, India Angola e Honduras. E’ comunque sempre consigliabile effettuare il viaggio in più persone. 

    • Quali sono i tempi per una adozione a distanza?

      I tempi sono brevi. Dopo il primo contatto telefonico tra l’Ufficio e la persona che desidera adottare passano al massimo 10-15 giorni e il padrino riceve presso la sua abitazione la lettera di adozione con alcune notizie del bambino, la foto e l’indirizzo del centro presso cui inviare le lettere.

 

    • L´Associazione ´´Faggio Vallombrosano Onlus´´ organizza viaggi nei paesi dove abitano i bambini?

      Al momento no, anche se non lo escludiamo per un prossimo futuro. Un padrino deve organizzare il viaggio per proprio conto anche se all’arrivo troverà i responsabili dei centri, che lo accoglieranno e lo porteranno a visitare il centro e il suo adottato.

      Nei viaggi di monitoraggio accogliamo generalmente 2 volontari.

 

  • L´adozione a distanza é una adozione vera e propria?

    No è solo un sostegno a distanza. Il bambino rimane con i suoi genitori o familiari e il padrino non può vantare alcun diritto sul bambino.

  • INOLTRE TI INFORMIAMO CHE

    –       Il contributo viene raccolto in un conto bancario ed inviato ai centri ogni 3 mesi

     

    –       Il contributo viene erogato presso il conto bancario della congregazione direttamente nel paese dove è presente il centro

     

    –       Il contributo viene utilizzato per l’istruzione e tutte le spese necessarie (vitto, alloggio, piccole spese mediche) in prima istanza del bambino sostenuto. Gli operatori locali valutano se aiutare la famiglia, tramite la donazione di generi di prima necessità o di materiale da costruzione

     

    –       Beneficiano del tuo contributo al progetto anche altri bambini presenti nel centro del tuo sostenuto (ad esempio a Kangandala in Angola, sosteniamo 40 bambini a fronte di 800 iscritti alla scuola che ogni giorno pranzano alla mensa; spesso è il loro unico pasto)

     

    –       Qualora venga interrotto il sostegno per un bambino, se hai già versato delle quote, queste vengono “congelate” in attesa che ti venga riassegnato e non sono utilizzate dalla ONLUS. Qualora il tuo sostegno cessi, ma delle quote siano già state versate queste vengono assimilate dalla ONLUS per le spese di altri bambini in attesa di riassegnazione della famiglia e per le nostre spese di gestione che puoi consultare sul sito internet, nella sezione bilancio

     

    –       I tempi di riassegnazione dei bambini possono essere anche lunghi. Preferiamo selezionare e coinvolgere centri e bambini effettivamente bisognosi e per farlo delle volte impieghiamo molto tempo. Se dopo 2 mesi non hai ricevuto la documentazione puoi contattarci via email o via telefono. Delle volte le nostre comunicazioni non arrivano a destinazione ma l’assegnazione è già stata fatta

     

    –       I bambini scrivono due volte l’anno, e cerchiamo di mantenere con voi tale impegno

     

    –       Non avendo persone della ONLUS in loco, frequentemente può capitare che le lettere arrivino in ritardo o che alcuni bambini il giorno della compilazione non siano presenti a scuola. Ti chiediamo scusa per questo disagio, sappiamo che tieni a questo particolare momento di condivisione e ci impegniamo al massimo con il lavoro dei volontari per portarlo a termine

     

    –       Le lettere che scrivete ai centri e che talvolta traduciamo e spediamo per voi, possono andare perse. Ti consigliamo di fare una copia digitale e di avvisarci quando scrivi per chiedere al centro conferma della ricezione della missiva. Non possiamo costringere ne il bambino ne il centro a rispondere ad ogni lettera

     

    –       Al compimento dei 18 anni il sostegno viene interrotto. Se lo studente è meritevole viene chiesto alla famiglia di continuare il sostegno per contribuire alle spese universitarie. Capita raramente anche perché in questo caso è la congregazione che supporta la persona in maniera importante

     

    –       Per tutela dei donatori ma anche dei ragazzi sostenuti, una volta terminato il sostegno preferiamo non continuare i rapporti con questi e non divulgare contatti privati. Per necessità o malafede, può essere fatta leva sul vostro buon cuore per richiedere denaro con finalità non etiche (per esempio droga, acquisto di beni non necessari, …). Allo stesso modo dobbiamo tutelare i ragazzi sostenuti, da donatori malintenzionati, che sfruttando la loro ricchezza possono approfittare della situazione di indigenza dei beneficiari

     

    Se hai necessità di maggiori dettagli o chiarimenti, non esitare a contattarci.

     

    Cordialmente

    Lo staff e i volontarI