Adozioni a distanza. Cambiare la vita di tanti bambini per cambiare il mondo !!!

FAQ

info

Abbiamo fatto una raccolta delle vostre domande più comuni e qui sotto abbiamo dato le risposte. Per qualsiasi altra domanda siete pregati di contattarci con l’apposito modulo nella sezione contattaci.

  • Quanto costa adottare un bambino a distanza ?

    Adottare un bambino costa 26 € al mese.

  • La cifra mensile è fissa oppure può aumentare?

    La cifra di 26 € è fissa e non è suscettibile di aumento.

  • Come versare la mensilità, con quale cadenza?

    Il padrino può scegliere se versare i soldi mensilmente oppure a cadenza trimestrale, semestrale ecc.. Sarebbe preferibile scegliere una cadenza fissa (mensile o trimestrale…).

  • I soldi che vengono versati possono essere detratti con la denuncia dei redditi?

    Si basta presentarsi al CAF con le ricevute dei pagamenti effettuati tramite c/c bancario o postale.

  • Come vengono utilizzati i soldi?

    I soldi vengono utilizzati dal centro per le necessità del bambino. In alcuni centri i soldi vengono utilizzati per l’iscrizione e il mantenimento a scuola del bambino, in altri per l’organizzazione di corsi professionalizzanti e così via.

  • Quanti dei soldi che verso vanno realmente al bambino?

    Al momento vengono corrisposti al bambino adottato 23 €. Degli altri 3 € una minima parte aiuta a coprire le spese di gestione e l’altra parte viene utilizzata per aiutare i bambini adottati che al momento non hanno più il loro padrino.

  • In che percentuale i miei soldi vengono utilizzati per le spese di gestione dell´ Associazione?

    Solo per il 4%. L’ 88 % va al bambino e il restante 8% ai bambini adottati ma senza padrino.

  • E´ possibile verificare che il contributo vada a buon fine?

    Certo il padrino se lo desidera può recarsi di persona a trovare il bambino oppure alla festa dei padrini che si svolge ad Aprile di ogni anno può ascoltare le testimonianze di chi personalmente si è recato a trovare il suo bambino.

  • Quanto dura l´adozione e si può recedere dall´impegno preso?

    Il sostegno dura fino al compimento del 14° anno di età con possibilità di proseguire fino al 18°. Se il ragazzo è intenzionato a continuare gli studi il padrino può proseguire nel sostegno. Se un padrino decide di recedere dall’adozione può farlo in qualsiasi momento, basta dare un avviso telefonico o via e-mail.

  • Quali requisiti bisogna avere per adottare un bambino?

    Aver compiuto i 18 anni oppure avere come garante un adulto (se trattasi di minore).

  • Quali sono gli obblighi se sostengo un bambino a distanza?

    Solo l’obbligo morale di sostenerlo a distanza, sia attraverso il contributo economico sia intrattenendo con il bambino una corrispondenza (non obbligatoria).

  • Chi sono i bambini che vengono sostenuti a distanza?

    Bambini poveri del Brasile, dell’India, dell’Angola e dell’ Honduras a qualunque religione, casta o gruppo appartengano. I bambini non abitano in istituti (salvo pochi casi) ma vivono con i loro genitori o familiari e sono seguiti dai nostri centri per la loro crescita e la loro educazione.

  • Ogni bambino ha un solo padrino o più padrini?

    Ogni bambino ha un solo padrino o gruppo di padrini nell’eventualità che un gruppo di persone (colleghi di ufficio, parenti ecc..) decidano di sostenerlo insieme.

  • Il sostegno si può attivare se siamo più persone (associazioni, ditte, colleghi di lavoro, familiari ecc..)?

    Si, basta deciderlo insieme e comunicarlo all’ Ufficio Sostegno a distanza.

  • Si possono sostenere più adozioni a distanza?

    Si, un padrino può sostenere più bambini anche in diversi paesi.

  • Cosa devo fare concretamente per sostenere il bambino?

    Telefonare al nostro ufficio nell’orario indicato o lasciare un recapito telefonico tramite e-mail o attraverso il modulo nella sezione “Contattaci” del sito per formalizzare a voce l’adozione.

  • Quali contatti si hanno con il bambino?

    Il bambino scrive al padrino due o tre volte all’anno. Il padrino può scrivere quante volte vuole e se lo desidera può andarlo a trovare.

  • Si possono inviare lettere, foto e pacchi al bambino adottato?

    Si però in piccole quantità e verificando sempre attraverso l’Ufficio sostegno a distanza che il pacco sia giunto a destinazione.

  • Come fare per le traduzioni?

    Le letterine vengono tradotte prima di essere inviate al padrino. Per le lettere che il padrino deve inviare al bambino verranno date indicazioni a seconda del centro dove viene adottato il bambino (in alcuni centri i responsabili parlano italiano e non c’è bisogno di traduzioni, per altri centri è attivo un servizio di traduzioni con la collaborazione delle Suore Francescane di San Giuseppe che abitano a Perugia.

  • E´possibile far venire in Italia il bambino?

    No non è possibile portare in Italia un minore.

  • E´possibile andare a trovare il bambino?

    Si certo un padrino previo accordo con l’Ufficio Sostegno a distanza può recarsi di persona in Brasile, India Angola e Honduras. E’ comunque sempre consigliabile effettuare il viaggio in più persone. Si sconsiglia ad una donna di andare da sola.

  • Quali sono i tempi per una adozione a distanza?

    I tempi sono brevi. Dopo il primo contatto telefonico tra l’Ufficio e la persona che desidera adottare passano al massimo 10-15 giorni e il padrino riceve presso la sua abitazione la lettera di adozione con alcune notizie del bambino, la foto e l’indirizzo del centro presso cui inviare le lettere.

  • L´Associazione ´´Faggio Vallombrosano Onlus´´ organizza viaggi nei paesi dove abitano i bambini?

    Al momento no, anche se non lo escludiamo per un prossimo futuro. Un padrino deve organizzare il viaggio per proprio conto anche se all’arrivo troverà i responsabili dei centri, che lo accoglieranno e lo porteranno a visitare il centro e il suo adottato.

  • L´adozione a distanza é una adozione vera e propria?

    No è solo un sostegno a distanza. Il bambino rimane con i suoi genitori o familiari e il padrino non può vantare alcun diritto sul bambino.